SEO per piccoli e-commerce: consigli utili

Articoli » WEB & SEO

Tutta colpa della SEO

Hai un piccolo e-commerce, sei online e ti dai un gran da fare per tenere aggiornato il sito, il blog e quant’altro.

Ma nonostante tutti gli sforzi, quando cerchi il tuo negozio su Google devi scorrere qualche pagina di risultati prima di trovare il tuo nome.

Perché? Cosa non funziona? Tutta colpa della SEO!

SEO: l'ABC della vetrina

Avrai sentito nominare spesso questo nome se bazzichi il mondo del web. La SEO, letteralmente Search Engine Optimization è, tradotto, l’ottimizzazione per i motori di ricerca dei tuoi contenuti. E chi è il più famoso dei motori di ricerca? Proprio lui, il Signor Google.

Garantire una buona SEO del proprio sito equivale a ottenere più visite e di conseguenza più clienti. Diciamo che la SEO, se fosse fuori dalla realtà della rete, sarebbe un po’ quello che garantisce – nella miriade di insegne in una via di negozi – che la nostra risalti più delle altre e che sia evidente il richiamo al nostro negozio e a quello che facciamo.

Ecco un esempio concreto: un utente sta cercando delle viti e tra dieci insegne ne vede due. Su una c’è la parola “Ferramenta” e sull’altra legge “Il paradiso della Brugola”. La SEO illuminerà la prima insegna e non la seconda, perché è molto probabile che l’utente scelga il risultato più semplice, chiaro e immediato. 

Alcuni consigli per te

1. Poche parole e chiare: le famose keywords. Sono la base per una ricerca che dia risultati buoni e che indirizzi verso il tuo sito. Perciò, scopri le parole più usate dai tuoi utenti per trovarti grazie a Google Trends. Capire come le persone cercano il tipo di prodotto che vendi, ti aiuterà a scegliere le keywords più adatte per farlo emergere.

2. Studia te stesso e i tuoi competitor: quali valori e servizi ti distinguono? Come si promuovono gli altri? Quali sono le azioni della concorrenza che ti piacciono e quelle che invece non ti ispirano fiducia?

3. NON COPIARE. Questo lo ingigantisco perché è fondamentale. Mi rifaccio al consiglio precedente. Prendi spunto, ma sii sempre te stesso. Il rischio è quello di diventare la brutta copia (calpestata) del big del tuo settore.

4. Occhio alle immagini. Curale tanto quanto i testi della pagina, perché – specie in un e-commerce – sono essenziali, incuriosiscono e catturano subito l’attenzione. Un’immagine con la giusta didascalia porterà immediatamente gli utenti verso l’acquisto. Compreresti qualcosa online senza poter vedere di cosa si tratta?

Un esempio riguardante il primo punto: se stai cercando a Verona delle scarpe da corsa, scriverai “scarpe da running Verona”, “calzature sportive Verona” o “le scarpe per andare a correre”? La terza opzione è senza dubbio la meno utilizzata, perché ti porterebbe a fare un giro più lungo per trovare l’articolo che cerchi.

Quello del web è un mondo affollato e bisogna, seppur all’ombra dei giganti, essere agili e veloci. Ecco perché è fondamentale usare le giuste keywords. Affidarti a un esperto SEO, per indicizzare il tuo e-commerce e fargli scalare la Serp di Google, è sicuramente la strategia migliore, perché lo sappiamo bene che il fai da te arriva fino a un certo punto, mentre un professionista può aiutarti ad arrivare dove vuoi.